Logo PsicologinapoliPsicologinapoli.it Studio Ceparano - Tisci Centro di Psicologia e Psicoterapia tel. 0917452260
telefono: 3929257199














Società Italiana per la Psicopatologia Fenomenologica  Rivista Comprendre  Scuola di Psicoterapia e Fenomenologia Clinica
 



indietro

Articoli

- L’incontro: il contributo di Bruno Callieri e Arnaldo Ballerini ….

- Presso l'allucinazione

- Annotazioni: la persona-paziente in emodialisi

- Appunti sul "mangiare"

- Mal di pancia: dolore e/o sofferenza?

- La depressione come fenomeno «ri-attivo».

- Fobia (fobie). Il fobico: AVERE LA "PAURA"!

- Esperienza ipocondriaca

- Anima gemella - Alter Ego

- Su l'attacco di panico

- Fluenza d'Espressione e Formazione

- BREVI CONSIDERAZIONI SUL LINGUAGGIO E SULLA SCHIZOFRENIA

- Osservazioni di ordine generale sui principali approcci allo studio della Schizofrenia paranoidea

- La clinica della Verneinung e clinica della Verwerfung: il “no” di Bartleby e il “no” di Chance di “Oltre il giardino”

- Sulla linguisticità della schizofrenia

- Beethoven - Sonata Kreutzer n° 9

- Sfogo sulle Passioni Tristi

- Pre-psicosi, scatenamento, stabilizzazione

- INTRODUZIONE ALLE TECNICHE NELLA -PSICOTERAPIA FOCALIZZATA SUL TRANSFERT-

- La Ricerca come possibilità della Cura

- Il mondo magico

- Esercizi di fenomenologia

- Disturbo del Comportamento Alimentare

- Cura

- Biologicamente psichico

- Elementi di una teoria gruppoanalitica postfoulkesiana

- Che significato ha quell’Immagine?

- SPUNTI DI RIFLESSIONE SULLA TOSSICOMANIA

- IL LINGUAGGIO TRA L’ESSERE STRUMENTO DI COMUNICAZIONE E MODO D’ESSERE

- DAL ROMANZO “IL GIOVANE TORLESS” DI MUSIL

- DISTURBI DI PERSONALITA’ SECONDO IL MODELLO COGNITIVO ITALIANO

- LACAN E LE CONCEZIONI CLASSICHE DELLA PSICHIATRIA:

- I DISTURBI ALIMENTARI DAL PUNTO DI VISTA PSICOANALITICO

- In Zygmunt Bauman, Dentro la globalizzazione. Le conseguenze sulle persone, Laterza, 2001, Bari.

- IL COMPLESSO, FATTORE CONCRETO DELLA PSICOLOGIA FAMILIARE.

- ANALISI FENOMENOLOGICA: ESSER MADRE


Lo scopo principale di questa mia analisi è quello di cercare di ragionare fenomenologicamente sull’esser madre.
La prima cosa a cui penso è all’esser madre in generale. Allora mi domando: cosa fa diventare una donna, madre? Rispondo: la madre diventa madre quando genera, concepisce suo figlio. A questo punto devo chiedermi: esistono donne che pur non mettendo al mondo un figlio, diventano madri? La risposta è si, e mi riferisco alle madri adottive, non biologiche ma che comunque si sentono madri e sono a loro volta considerate madri dai loro figli.
Poi, però, penso a qualcosa che, in qualche modo, mi riporta a quanto detto sopra. Penso, appunto, al concetto di madre in tutte le sue sfumature e nelle parole che la contengono. Madre è colei che genera i figli e si dedica a loro; la madrelingua è la lingua che si parla nella famiglia in cui si nasce ; la madrepatria è il paese di origine per chi vive all’estero; la madreperla è lo strato interno della conchiglia di alcuni molluschi; la madrevite è un elemento cavo in cui s’introduce una vite che dev’essere filettata  ecc. Emergono tre elementi caratteristici della madre: la madre è origine; la madre contiene, nel senso che fa da contenitore; infine, la madre nutre e protegge.  Queste sono le caratteristiche proprie di una madre: contenere, nutrire e proteggere un essere che nasce e cresce. La madre è accanto al figlio nella sua crescita, attraverso la sua presenza e le sue cure.
Sorgono nuovamente altre domande: Ci sono madri che non hanno fatto da contenitore al proprio figlio, che non lo hanno portato in grembo per mesi?  A questa domanda abbiamo già risposto di si, ci sono e sono le madri adottive. Esistono madri che non nutrono, nel senso di dar da mangiare, i propri bambini? Si. In tempi e luoghi diversi esistevano, e probabilmente esistono ancora, le balie, ossia quelle donne che allattavano e nutrivano i bambini altrui.  Ancora, esistono madri che non proteggono e non hanno un istinto protettivo rispetto ai loro figli? Io, rispondo di no. Tutt’al più esiste un fare protettivo difettivo.
Mi sorge, a questo punto, spontaneo fare un confronto con il padre. Che differenza c’è tra una madre e un padre? La madre di solito è accanto al padre nel crescere il figlio. La madre, però, ha, rispetto al padre e a qualsiasi altra persona,  un fare protettivo che la caratterizza e la distingue.
La madre, allora, mi si dà nel suo fare protettivo. La madre non mi si darebbe se non fosse protettiva. Il figlio gli si dà per essere protetto.
Mi torna, però, costantemente alla mente l’esser madre come origine. Penso: anche il padre ha un fare protettivo, ma la madre a differenza sua ha generato, nutrito e partorito quel figlio. La madre, quindi, in questo senso, mi si dà nella sua originabilità,l’esser madre è dare origine, vita a un altro essere, il figlio, che gli si dà per essere originato. Poi accudito e cresciuto.
Ovviamente, l’analisi non si conclude qui.

dott.ssa Giorgia Tisci (26 lug. 2007)

- LA PSICOTERAPIA SECONDO IL MODELLO DI J. WEISS

- Filosofia e Psicoterapia

- Temperamento, Personalità, Carattere E Psicopatologia nell'eroinomane in dissefuazione

- Valutazione del profilo della personalità nell’ambito della Sanità Pubblica nei riguardi di atti tesi al raggiungimento di un obbiettivo “burocratico”: l’utilizzo del test psicometrico di personalità.

- Tecniche di Sostegno Psicologico per un’ottimale “Compliance” al programma Sport Terapeutico

- Linguaggio e schizofrenia: così come mi appare

- La Personalità: tra il senso comune e le mie infrafilosofie



indietro

     
Questa opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3 Italia
Tel. 0817452260
info@psicologinapoli.it

Aggiornato: Novembre 29, 2016 13:52